Sei in Home / La Fondazione / Notizie ed Eventi / Il rinnovo del parco veicolare italiano, per una mobilità più sicura, equa e sostenibile

Il rinnovo del parco veicolare italiano, per una mobilità più sicura, equa e sostenibile

Categoria: Primo piano

23.03.2021

La Fondazione Caracciolo ha realizzato uno studio sul tema del rinnovo del parco circolante finalizzato a ridurre le emissioni complessive e aumentare la sicurezza stradale garantendo il diritto alla mobilità di tutti i cittadini.

In un momento così difficile, come quello che sta affrontando il Paese, in cui alla crisi sanitaria si affianca lo spettro della depressione economica, che riduce le possibilità e le scelte di acquisto in generale e, per quel che riguarda il tema qui di interesse, di veicoli nuovi, più performanti dal punto di vista ambientale e della sicurezza, è importante pianificare in modo razionale un efficace utilizzo delle risorse disponibili tenendo in considerazione alcuni importanti fattori:

1) la necessità di basarsi su una valutazione delle emissioni di CO2 che tenga conto dell’intero ciclo di vita dei veicoli (Life Cycle Assessment);
2) la necessità di tendere a favorire l’eliminazione dei veicoli più vecchi, a partire da quelli Euro 0 e 2, per ridurre le emissioni inquinanti e abbattere i costi sociali derivanti dall’inquinamento urbano, dai gas climalteranti e dall’incidentalità stradale;
3) la necessità di consentire un accesso equo ai finanziamenti, per non ampliare le diseguaglianze sociali;
4) la necessaria considerazione dello stadio di maturità delle tecnologie e delle infrastrutture abilitanti ad esse connesse, di particolare importanza per ogni piano di incentivi che miri alla sostituzione dei veicoli termici con vetture ad alimentazione alternativa, ad esempio elettrica o a idrogeno;
5) l’importanza degli investimenti nel settore della ricerca, per uno sviluppo competitivo dell’industria italiana.

Questi i risultati in sintesi dello studio realizzato dalla Fondazione Caracciolo.

Leggi lo studio (PDF, 5 MB)