Sei in Home / La Fondazione / Notizie ed Eventi / Gli effetti dell’AEB nella riduzione dei sinistri

Gli effetti dell’AEB nella riduzione dei sinistri

Categoria: Primo piano

13.10.2020

Roma, 13 ottobre 2020, ACI e Bosch presentano i risultati dello studio Gli effetti dell’AEB nella riduzione dei sinistri. Il sostegno della tecnologia nella lotta agli incidenti.

Lo studio, realizzato dalla Fondazione Filippo Caracciolo in collaborazione con il Dipartimento di Ingegneria dell’Ambiente, del Territorio e delle Infrastrutture (DIATI) del Politecnico di Torino, si inserisce in un percorso di ricerca iniziato nel 2019 con un approfondimento sul rischio di incidentalità derivante dai diversi modelli di auto in funzione delle tecnologie per la sicurezza presenti a bordo, attraverso l'analisi dei dati di incidentalità, di veicoli dotati di scatole nere, in funzione della percorrenza annua.

Quest'anno, la Fondazione ha inteso valutare gli effetti dell’introduzione di sistemi del tipo AEB, in questo ulteriore progetto di ricerca focalizzato su quegli incidenti che possono trarre beneficio da tale sistema, "il tamponamento", cercando al contempo di limitare gli effetti di disomogeneità tecnologica e di efficienza nella comparazione fra veicoli di età diversa.

A tal fine, è stato effettuato un complesso lavoro di integrazione dei dati delle scatole nere con quelli provenienti dal Data Base ACI – ISTAT sulla natura degli incidenti, e i dati del Pubblico Registro Automobilistico per l'analisi dei modelli e anno di immatricolazione di ciascun veicolo coinvolto nell’incidente.

La ricerca ha valore sperimentale e innovativo di grande importanza: oltre 3 milioni di veicoli monitorati e 25 miliardi di km percorsi.

La riduzione dei sinistri per tamponamento nei veicoli con meno di 3 anni è stimata al 45%: in media, quasi 1 tamponamento su 2 è evitato grazie a tale tecnologia. Un dato non trascurabile se si considera che gli incidenti per tamponamento rappresentano circa un terzo del totale. 

Segui la conferenza stampa  https://www.youtube.com/watch?<wbr></wbr>v=4Vshlks4a8s&feature=emb_<wbr></wbr>title

Leggi il comunicato stampa

Leggi lo studio